top of page
  • Immagine del redattoredaniele bellato

Valutare il Danno: Confronto tra Diversi Criteri di Valutazione

Le polizze assicurative proteggono da imprevisti, ma capire come vengono valutati i danni in caso di sinistro è fondamentale. Esistono diversi criteri di valutazione del danno, come il 'Valore a Nuovo', 'Valore allo Stato d'Uso' e 'Valore Commerciale'. Questi criteri influenzano direttamente l'indennizzo ricevuto e possono avere un impatto significativo sulle aspettative degli assicurati.


Valore a Nuovo: Questo criterio considera il costo di ricostruzione o sostituzione del bene danneggiato con uno nuovo o equivalente. Ad esempio, se un fabbricato subisce danni, l'indennizzo si baserà sul costo di ricostruirlo completamente.

Valore a Nuovo con Supplemento di Indennità: Qui l'indennizzo è suddiviso in un pagamento iniziale e un supplemento successivo, a condizione che la riparazione o sostituzione del bene sia effettuata entro i tempi previsti dal contratto.

Valore allo Stato d'Uso: Questo criterio considera il deprezzamento del bene in base a fattori come l'età, lo stato di manutenzione e l'utilizzo. Ad esempio, un bene con un anno di utilizzo avrà un valore ridotto rispetto al suo costo iniziale.

Valore Commerciale: Rappresenta il valore di mercato del bene danneggiato, considerando anche il prezzo di un bene simile usato.


Comprendere come vengono applicati questi diversi criteri di valutazione del danno è essenziale per gli assicurati. Questi criteri possono influenzare l'importo dell'indennizzo e le tempistiche di liquidazione del danno. Scegliere la modalità di valutazione più adatta alle proprie esigenze e comprendere le implicazioni di ciascun criterio può fare la differenza in caso di sinistro. Consultare esperti del settore o consulenti assicurativi può essere prezioso per una scelta consapevole e per garantire una copertura adeguata alle proprie necessità.

18 visualizzazioni0 commenti
bottom of page