• CAUSA IMPEGNI PROFESSIONALI - L'ATTIVITA' "DOMANDE & RISPOSTE" E' TEMPORANEAMENTE SOSPESA.

Domande & Risposte


Inserite le vostre domande sull'argomento, sarò lieto di rispondervi quanto prima.

 

Scrivi commento

Commenti: 45
  • #1

    dinu daniela (mercoledì, 16 giugno 2010 16:09)

    buon giorno. per cortesia vorrei sapere se esiste qualche libro, o documento ufficiale che mi potrebbe spiegare meglio la percentuale del degrado che si applica sui pezzi di ricambio nelle pratiche di sinistri, e su che cosa si applica questo degrado. cioè solo sulla parte mecanica o anche sulla carozzeria e cristalli. grazie anticipatamente.dinudaniela69@yahoo.it

  • #2

    danielebellatoperizie (mercoledì, 16 giugno 2010 18:34)

    Buona sera Sig.ra Daniela,
    mi sembra di capire che Lei sta cercando informazioni inerenti probabilmente ad un sinistro RCAuto o comunque a garanzie relative a dette polizze; purtroppo non mi occupo di sinistri auto ma in linea di massima posso darLe qualche indicazione relativa al concetto di degrado dal punto di vista assicurativo.
    In linea teorica la percentuale di degrado dovrebbe essere calcolata in base alla tipologia del bene, alla qualità, al grado di vetustà, allo stato di conservazione e alla funzionalità del bene stesso; in linea pratica, parlando di autovetture penso che, per quanto riguarda un sinistro rca lo stesso viene applicato unicamente sui componenti meccanici e/o componenti soggetti ad usura mentre se trattasi di garanzie diverse quali eventi atmosferici, atti vandalici, furto, ecc. questo deprezzamento coinvolga tutti i componenti interessati e sia calcolato in base ad una percentuale che, ad esempio, viene calcolata in base al rapporto tra il valore di acquisto dell'autovettura e il valore commerciale della stessa al momento del sinistro.

    Saluti.

  • #3

    Aldo (giovedì, 30 settembre 2010 23:52)

    in un risarcimento per danno da acqua,
    avendo presentato debite fatture e con un risarcimento forfettario, si può conoscere, dovendo esplicitare il perchè al condominio, il dettaglio per singola voce risarcita? grazie

  • #4

    Daniele Bellato (venerdì, 01 ottobre 2010 09:42)

    Buongiorno,
    sicuramente richiedendolo al perito intervenuto per la Compagnia Assicuratrice saprà darLe le informazioni che chiede.
    Saluti.

  • #5

    Luca M (mercoledì, 24 novembre 2010 19:37)

    Buonasera, gradirei conoscere i tempi in cui il perito deve prendere visione del danno.
    Mi spiego meglio, ho denunciato un sinistro alla mia assicurazione per fenomeno eletrico, (un fulmine mi ha fatto fuori gli elettrodomestici), ho già presentato le dichiarazioni del mio tecnico che accertano l'entità del danno.Sono stato contattato dall'assicurazione e sono in attesa del perito. Posso fare una raccomandata A/R in cui porto a conoscenza l'assicurazione che entro 30 gg. in mancanza del perito, butto via gli elettrodomestici bruciati, dato che mi ingombrano non poco?
    Grazie

  • #6

    Daniele Bellato (giovedì, 25 novembre 2010 12:41)

    Buongiorno,

    deve conservare, per contratto, le tracce e i residui del sinistro a sue spese sino alla liquidazione del danno pena la perdita totale o parziale del diritto all'indennizzo.
    Art. 1915 del c.c.

    Saluti.

  • #7

    dany (sabato, 15 gennaio 2011 16:05)

    Salve, abito in un appartamento al piano secondo di un contesto condominiale. Esiste polizza globale fabbricati e polizza mia personale. Trattasi di sinistro da acqua condotta avvenuto nel mio appartamento da una tubazione idrica. I danni all'appartamento sottostante (per me RC) e per la polizza condominiale Danno diretto da acqua vengono ripartiti come tra le 2 ass.ni?

  • #8

    Daniele Bellato (lunedì, 17 gennaio 2011 12:12)

    Buongiorno dany,

    in teoria la situazione che mi descrive sembrerebbe corrispondere ad una "coassicurazione indiretta" per alcuni versi "non omogenea".

    In linea di massima all'atto pratico, comunque si procede in questo senso : l'indennizzo realtivo al danno subito dall'acqua nel Suo appartamento nonchè le spese di ricerca e ripristino viene
    calcolato separatamente per ogni singola compagnia come se l'altra non esistesse.
    Se dalla somma dei due indennizzi ottenuti risultasse importo superiore al danno a questo punto si procederebbe alla ripartizione tra le due compagnie.
    Per quanto riguarda invece il danno subito dal terzo (appartamento sotto di lei) lo stesso verrà liquidato direttamente dalla polizza globale fabbricati in quanto , per detta polizza, trattasi di
    garanzia diretta mentre per lei essendo in RC risulta essere una garanzia indiretta.
    Questo in linea di massima per darle un'idea del criterio ma nella sua descrizione mancano degli elementi importanti che potrebbero anche modificare il metodo che le ho sopra descritto; ad esempio
    sarebbe utile conoscere se la parte di impianto guastatosi è di sua completa pertinenza, condominiale o di pertinenza di un numero "n" di condomini.
    Oltre a ciò sarebbe utile sapere se oltre a lei e al suo vicino sottostante esistono ulteriori danneggiati (ad es. condominio o altri condomini).

    Cordiali saluti.
    ---

  • #9

    stefano (martedì, 18 gennaio 2011 12:33)

    Buongiorno,
    ho subito un sinistro RCAuto,la controparte ha ammesso la colpa ma non si è potuto procedere con il risarcimento diretto perchè erano coinvolti più di due veicoli.
    Dato che ancora non è stato nominato il perito incaricato di constatare i danni da me subiti,e io ho urgenza di partire per un'altra città,posso chiedere (a pagamento) una perizia ad un perito da me scelto,e una volta incaricato quello ufficiale per il mio sinistro,metterli in contatto,fare vedere tutte le documentazioni e foto,senza bisogno che il perito ufficiale visioni il mio veicolo?

  • #10

    danielebellatoperizie (martedì, 18 gennaio 2011 18:15)

    Buonasera Stefano,

    purtroppo non posso aiutarla in quanto non mi occupo di sinistri RCAuto. Le do due consigli :
    1) verifichi se la Sua polizza prevede come garanzia aggiuntiva la copertura delle spese per un perito di parte (quello che lei vorrebbe incaricare).
    2) In teoria Lei deve rendersi disponibile a far visionare il proprio mezzo al perito incaricato dalla Compagnia in quanto la stessa ne ha il diritto. All'atto pratico il collega potrebbe dare per buono quanto fornito dal suo perito ma questo non è certo.

    Cordiali saluti.

  • #11

    ALESSANDRO MUSSO (giovedì, 20 gennaio 2011 07:02)

    Buongiorno Sig.Daniele!
    Le vorrei rivolgere una domanda inerente un'assicurazione casa.

    Ho subito uno scippo ieri, denunciato ecc...devo rivolgermi alla compagnia di assicurazioni entro 3 giorni, cosi' come scritto sull'informativa.

    Nello scippo mi è stato sottratto un gioiello, che però è di famiglia, e quindi non posseggo ovviamente scontrini, fatture o altro.
    L'unica cosa che posseggo è una fotografia dei vari oggetti/gioielli.
    Siccome ho letto e riletto le condizioni della Polizza, ma l'unica cosa che ho trovato è che i periti possono richiedere ovviamente delle informazioni ecc.. inerenti l'oggetto,non c'è ovviamente scritto informazioni di che tipo...... prima di andare dalla compagnia, vorrei sapere se è sufficiente possedere una foto di quest'oggetto, oppure è insufficiente, o cosa dovrei fare.E, nel caso in cui fosse valido, chi attesta il valore vero dell'oggetto?Posso indicarlo io in linea di massima?Grazie per la risposta!

  • #12

    bruno (giovedì, 28 luglio 2011 16:23)

    Nel caso di coassicurazione (Polizza globale fabbricato condominiale e polizza personale)per ricerca e riparazione danni d'acqua, in caso di rottura colonna condominiale che utilizzo, qualora la globale non indennizzi per superamento massimale annuo
    posso avvalermi di quella personale(ovviamente per la mia sola quota di spettanza condominiale)?
    Grazie e cordiali saluti

  • #13

    danielebellatoperizie (venerdì, 29 luglio 2011 18:23)

    Buonasera Alessandro Musso,

    accade spesso che per i preziosi l'assicurato si trovi in difficoltà a provarne l'esistenza e la qualità. Le consiglio di descrivere il prezioso alle autorità con ogni particolare che possa aiutare alla valorizzazione del bene; l'esistenza, poi, di doc. fotografica potrà aiutare il perito a stimare il valore.
    Direi che ha gli elementi per denunciare il sinistro alla Compagnia.

    Saluti.

  • #14

    danielebellatoperizie (venerdì, 29 luglio 2011 18:26)

    Buonasera Sig. Bruno,

    al di la polizza globale fabbricati sia sufficiente o no a coprire le spese sostenute per la ricerca e ripristino del guasto, il sinistro DEVE essere aperto anche su ogni singola polizza dei condomini in quanto vi è coassicurazione indiretta omogenea.
    La liquidazione verrà poi ripartita dai periti per ogni singola polizza.

  • #15

    fiorenzo (domenica, 11 settembre 2011 08:39)

    buon giorno ho una polizza assicurativa sulla casa. Recentemente un fulmine "fenomeno elettrico" ha bruciato il motore ventola fumi della mia stufa a pellet sono risarcibile, e la stufa fa parte del contenuto nel contesto assicurativo.

  • #16

    danielebellatoperizie (lunedì, 12 settembre 2011 16:48)

    Buonasera Sig. Fiorenzo,

    per poter rispondere al suo quesito è necessario consultare il paragrafo "Definizioni" delle condizioni di assicurazione. Ogni polizza descrive il "Fabbricato" o il "Contenuto" in base a quanto indicato nelle definizioni.

  • #17

    OMAR STAGI (venerdì, 16 marzo 2012 11:24)

    nel bagno di casa mia si è rotto un tubo dell'impianto idrico. L'acqua fuoriuscita da quast'ultimo ha bagnato il muro del bagno stesso e per gravità, è discesa fino al piano di sotto (anch'esso di mia proprietà) bagnando così in luro sottostante. E' stato necessario riparare il danno nel bagno e provvedere alla reimbiancatura del muro del piano inferiore. Il perito della Assicurazione ha applicato, al costo totale del lavoro, una franchigia di € 400,00 e non di € 200,00 come credevo la polizza prevedesse. In realtà, la polizza, prevede una franchigia di € 200,00 per la ricerca e riparazione del danno e una di € 200,00 per la bagnatura. Quindi lui ha considerato il danno nel bagno come ricerca e riparazione, e quello al muro al piano inferiore come bagnatura. E' giusto ? Non è stato tutto causato dallo stesso danno ? Grazie.

  • #18

    danielebellatoperizie (lunedì, 02 aprile 2012 11:44)

    Buongiorno Omar Stagi,

    ritengo corretto quanto applicato dal collega; se la polizza prevede due franchigie non cumulabili, una per la ricerca e ripristino del guasto e una per il danno diretto causato dall'acqua condotta vanno applicate entrambe.
    Verifichi invece che non sia stata applicata una franchigia di € 400,00 all'importo totale; le due franchigie devono essere applicare separatamente : una franchigia di € 200,00 per le Spese di ricerca e ripristino ed € 200,00 per il danno da bagnamento. Questo per evitare che la franchigia della garanzia acqua condotta vada a "penalizzare" l'indennizzo della garanzia Spese di ricerca e ripristino o viceversa.
    Saluti.

  • #19

    alessandra (martedì, 22 maggio 2012 09:59)

    Buongiorno,
    franchigie e/o scoperti previsti da una polizza incendio si applicano relativamente al medesimo evento dannoso o per ogni partita assicurata? ad esempio se un unico evento di allagamento colpisce sia le strutture di un magazzino che il suo contenuto, ovvero arredi e merci, si applica un'unica frqnchigia o un unico scoperto per l'evento oppure una franchigia o scoperto (a seconda di cosa la poliza preveda) per ognuna delle partite assicurate e quindi una franchigia per il fabbricato, una per il contenuto, una per le merci? Grazie e cordiali saluti

  • #20

    Bellato Daniele (martedì, 22 maggio 2012 18:59)

    Buonasera Sig.ra Alessandra,
    non posso risponderLe con certezza dato che non ho esaminato la polizza e le relative condizioni; solitamente, però, la franchigia e/o scoperto sono relativi ad una specifica garanzia (es. fenomeno elettrico, acqua condotta, eventi sociopolitici ecc.) e pertanto vanno applicati sull'ammontare totale del danno e non per ogni singola partita.
    Saluti.

  • #21

    Anna (mercoledì, 18 luglio 2012 19:52)

    Buongiorno signor perito, ho portato in una lavanderia un capo di marca, pagato 2 anni fa 200 euro, che mi hanno perduto. Mi vogliono rendere un importo diverso trincerandosi dietro un misterioso degrado. É giusto? Quale puó essere il giusto valore che mi devono rendere oppure il valore del degrado da applicare visto che faceva parte di un completo la cui giacca non ho portato a lavare perché pulita? Ringrazio per la risposta alla quale mi atterró. Anna

  • #22

    roberto (martedì, 28 agosto 2012 17:23)

    Buongiorno,oggi la mia auto e' stata tamponata da un altro veicolo mentre era parcheggiata regolarmente sotto casa.Il secondo veicolo invece e' arrivato a motore spento e...senza conducente,dal momento che era stato parcheggiato senza freno a mano...Il risarcimento e' lo stesso,avendo fatto il cid,o cambia qualcosa?Grazie

  • #23

    Alessandro (sabato, 17 novembre 2012 15:33)

    Buona sera, ho avuto un danno alla scheda elettronica della mia stufa a pellet (pot. 12Kw), causato da un evento atmosferico, scarica elettrica; sono assicurato con il contenuto dell'abitazione ma l'assicurazione non risponde perchè classifica la stufa come impianto di riscaldamento quindi appartenente al fabbricato e non al conenuto del fabbricato. Puo' aiutarmi a capire. Grazie.

  • #24

    danielebellatoperizie (lunedì, 19 novembre 2012 10:39)

    Buongiorno Sig.ra Anna (rif. messaggio #21),
    trattasi di un danno in responsabilità civile e pertanto soggetto all'applicazione di degrado per stato d'uso. Indicativamente, l'oggetto danneggiato dovrebbe essere valutato in base al suo valore allo stato d'uso al momento del sinistro. Nel suo caso, eventualmente, potrebbe essere valutato un ulteriore danno indiretto in quanto i pantaloni facevano parte di un completo.
    Saluti.

  • #25

    danielebellatoperizie (lunedì, 19 novembre 2012 10:41)

    Buongiorno Sig. Roberto, (rif. #23)
    purtroppo non mi occupo di sinistri RC Auto.
    Mi dispiace.

    Saluti.

  • #26

    danielebellatoperizie (lunedì, 19 novembre 2012 10:46)

    Buongiorno Sig. Alessandro, (rif #23)
    rispondo in via del tutto indicativa in quanto bisognerebbe nello specifico analizzare la sua polizza.
    La caldaia, essendo un impianto fisso per uso e destinazione, quasi sicuramente fa parte della partita Fabbricato e pertanto, nel caso in cui Lei fosse assicurato solo il Contenuto, sarebbe corretto ritenere il sinistro non indennizzabile.
    Le consiglio di verificare le definizioni di Fabbricato e Contenuto dettate dalle condizioni di polizza specifiche legate al suo contratto assicurativo.

    Saluti.

  • #27

    NIKO (giovedì, 29 novembre 2012 21:13)

    BUONASERA L'ALTRO GIORNO LA GUIDA SPERICOLATA E PERICOLOSA DI UN RAGAZZO HA PROVOCATO L INCIDENTE DI DUE MACCHINE SENZA CHE LUI VENISSE COINVOLTO SI è FERMATO PER PRESTARCI SOCCORSO CI HA PREGATO DI NON CHIAMARE LE FORZE DELL ORDINE,SI è ASSUNTO LE RESPONSABILITA,SI è RECATO ALLA PROPRIA ASSICURAZIONE PRENDENDOSI LE COLPE LA STESSA ASSICURAZIONE CI HA DETTO DI FARE RICHIESTA DI RISARCIMENTO ORDINARIO PER I DANNI SUBITI,LA MACCHHINA DEL RAGAZZO ERA COMPLETAMENTE DISTRUTA PUR NON URTANDO LE NOSTRE.VORREI SAPERE SE LA PROCEDURA DI RISARCIMENTO è QUELLA GIUSTA OPPURE NO.GRAZIE

  • #28

    lucia (mercoledì, 13 agosto 2014 23:13)

    Ho avuto un sinistro e nonostante avessi ragione l'altra parte non ha firmato il cid, anzi ha contestato, il mio perito è venuto già ma io ho ancora la macchina ferma da rottamare poichè non abbiamo definito posso demolire la macchina o devo aspettare che viene il perito della controparte e entro quanto ha diritto di venire a visionarla? Grazie

  • #29

    Pierluigi (sabato, 20 dicembre 2014 22:42)

    A seguito di rottura tubi di acqua calda in uscita da caldaia questa va in blocco e non puo' funzionare.La riparazione dei tubi e' risarcibile.Il non funzionamento della caldaia e' un danno diretto o indiretto?Grazie

  • #30

    Massimo (mercoledì, 04 febbraio 2015 14:39)

    Buongiorno,
    un informazione veloce, ho avuto un danno per pioggia all'auto. Volevo sapere dopo quanti giorni, dall'uscita del perito, l'assicurazione deve inviarmi offerta di risarcimento.io ho letto 20gg.
    Grazie

  • #31

    PIETRO (mercoledì, 29 aprile 2015 01:25)

    BUONGIORNO, ABBIAMO SUBITO UN DANNO SUL NOSTRO FABBRICATO DI SEI APPARTAMENTI DA EVENTO ATMOSFERICO, LA COMPAGNIA DI ASSICURAZIONE DOPO CHE IL PERITO HA INVIATO LA RELATIVA PERIZIA CI INVIA UN'OFFERTA INFERIORE DI CIRCA 900,00 EURO IN MENO DALL'IMPORTO SOSTENUTO E DOCUMENTATO CON LA FATTURA DELL'IMPRESA CHE HA EFFETTUATO I LAVORI, E' STATA USATA PIATTAFORMA AEREA PER CAMBIARE TUTTE LE TEGOLE E COPPI RIMOSSI DAL VENTO, SISTEMAZIONE DELLE CANALE IN RAME E MANTO DI COPERTURA SEMPRE RIMOSSO DAL VENTO, SECONDO LEI PERCHE' L'OFFERTA DI LIQUIDAZIONE E' MOLTO INFERIORE?? CHE COSA DOBBIAMO FARE IN MERITO??? NON CI E' MAI CAPITATO UN SINISTRO, ATTENDIAMO UNA RISPOSTA

  • #32

    Giovanni Di Santo (mercoledì, 29 aprile 2015 11:43)

    Buongiorno, avrei un quesito da porle: In tema di danno da fenomeno elettrico, posto un limite di indennizzo di € 3.000,00 ed uno scoperto del 20%, a fronte di un danno subito di € 6.000,00 a quanto ammonterà la giusta indennità? Ad € 2.600,00 oppure ad € 3.000,00 (6.000,00 - 20% = € 4.800,00 ma massimo indennizzo € 3.000,00).
    Grazie attendo una sua cortese risposta.

  • #33

    alessandra bertola (lunedì, 11 gennaio 2016 17:06)

    buonasera vorrei chiederle un'informazione : un fulmine ha bruciato la centralina della mia stufa a pellet (canalizzata che mi riscalda anche la camera) ma il perito dice che non rientra nel pacchetto assicurativo in quanto non collegata ai caloriferi e pertanto definita come un elettrodomestico qualunque. Grazie e cordiali saluti la mia assicurazione (avipop) stipulata in sede di mutuo riguarda il fabbricato.

  • #34

    Marco (sabato, 13 febbraio 2016 17:00)

    Buongiorno,
    circa un mese fa prese fuoco il cassonetto dell'immondizia privato del mio vicino, le fiamme hanno poi danneggiato la tinteggiatura del muraglione esterno della mia abitazione. E' stato scoperto dai vigili che le fiamme erano opera di vandali allo stato ancora ignoti, ora la mia assicurazione non vuole pagare il mio danno di tinteggiatura perché dice che è originato da atto vandalico e che io non ho sottoscritto questa garanzia, pertanto non ho diritto a tale indennizzo. Io ho cercato di spiegare che l'atto non è stato contro i miei beni ma contro i beni del vicino e che pertanto io non ho subito nessun danno da atto vandalico ma da incendio. Il mio vicino in tutto questo mi dice che lui non ha responsabilità e pertanto neanche la sua assicurazione mi paga. può aiutarmi a capire per favore?

    Saluti.
    Marco

  • #35

    Daniele Bellato (lunedì, 15 febbraio 2016 09:56)

    Buongiorno Giovanni,
    (rif. #32)
    salvo diverse indicazioni nel contratto l'indennizzo a Lei spettante è pari ad € 2.400,00.

    Cordiali saluti.

    DB

  • #36

    Daniele Bellato (lunedì, 15 febbraio 2016 10:02)

    Buongiorno Alessandra Bertola,

    difficile darLe una risposta senza aver preso in esame il Suo contratto. Da quanto descrive mi sembra di capire che la stufa sia stata considerata come ente facente parte del contenuto (visto il tipo di installazione) e che Lei non abbia assicurato detta partita.
    Gli elementi che mi fornisce non sono sufficienti a darLe una risposta esaustiva.
    Cordiali saluti.

    DB

  • #37

    Daniele Bellato (lunedì, 15 febbraio 2016 10:06)

    Buongiorno Marco,

    stando a quanto scrive se il danno Incendio da Lei patito è causato da un atto vandalico o doloso (anche su beni non di Sua proprietà) Lei ha diritto all'indennizzo se la Sua polizza assicura gli Eventi Sociopolitici.
    La responsabilità del Suo vicino, dato che trattasi di atto vandalico o doloso, a mio parere non è impegnata.
    Cordiali saluti.

    DB

  • #38

    Antonino (venerdì, 19 febbraio 2016 11:32)

    È possibile che la polizza globale non prevede la copertura a terzi per danni provocati da allagamento?

  • #39

    Daniele Bellato (venerdì, 19 febbraio 2016 11:52)

    Buongiorno Antonio,
    certo. Ogni polizza è un contratto a se stante e come tale può prevedere o no determinate garanzie.
    Cordiali saluti.
    DB

  • #40

    Mario (sabato, 05 marzo 2016 15:22)

    Salve,
    in caso di sinistro in abitazione la Compagnia può incaricare un suo dipendente per la perizia?
    Oppure è obbligata a incaricare un perito libero professionista?
    Le chiedo questo perchè a casa mia per un danno da rottura di tubazioni la compagnia ha mandato un liquidatore loro dipendente.
    Grazie.

  • #41

    Marco (lunedì, 14 marzo 2016 15:22)

    Buona sera, ho subito un furto in casa e sono coperto da assicurazione, che dopo la denuncia mi ha aperto il sinistro.
    L'assicurazione copre il furto del contenuto dell'abitazione che come definizione afferma che per contenuto sono compresi anche i valori. nella definizione di valori è stabilito che sono compresi i gioielli i preziosi e il denaro. Il perito mi ha chiamato e mi ha detto che sono esclusi i preziosi che ho denunciato come rubati in quanto assicurabili separatamente. ho ricontrollato la definizione di contenuto e invece i valori sono considerati nello stesso, però nella sezione limiti di indennizzo per furto dove ci sono le franchigie e i massimali rimborsabili c'è scritto che sono esclusi i valori. la domanda è questa: sono esclusi dai limiti di indennizzo o sono esclusi dalla copertura assicurativa? grazie

  • #42

    Antonella Giusti (giovedì, 17 marzo 2016)

    Buongiorno,
    a seguito di grandine, il danno stimato dalla impresa edile di mia fiducia quantifica il ripristino con 6.000,00 euro. Il perito assicurativo offre 2000,00 senza nessun documento giustificativo, solo a parole, è corretto? Esiste una norma che mi dia diritto ad ottenere una stima scritta?
    Grazie, cordiali saluti

  • #43

    Daniele Bellato (domenica, 20 marzo 2016 10:46)

    Buongiorno Mario,
    le polizze assicurative prevedono la perizia collegiale che prevede un perito incaricato da ognuna delle parti (Compagnia Assicuratrice e Assicurato); detto questo Lei può nominare un Suo perito di parte. La trattazione del sinistro viene demandata poi ai periti nominati.
    Cordiali saluti.

  • #44

    Daniele Bellato (domenica, 20 marzo 2016 10:52)

    Buongiorno Marco,
    le definizioni di polizza, in quanto tali, definiscono unicamente ciò che nel contratto si intende, nel Suo caso, per "Contenuto". Ogni garanzia o sezione di polizza, poi, può precisare se e cosa si assicura. Visto quanto Lei riporto ritengo corretta l'interpretazione del collega.
    Cordiali saluti.

  • #45

    Daniele Bellato (domenica, 20 marzo 2016 10:55)

    Buongiorno Sig.ra Giusti,
    nessuna norma. E' Suo diritto, se lo ritiene opportuno, nominare un Suo perito di parte a cui demandare la trattazione del sinistro.
    Cordiali saluti.


  • CAUSA IMPEGNI PROFESSIONALI - L'ATTIVITA' "DOMANDE & RISPOSTE" E' TEMPORANEAMENTE SOSPESA.